Direzione Didattica Secondo Circolo - Capoterra

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri

Costituzione seggio elettorale per le elezioni suppletive del 26-27 novembre 2017

E-mail Stampa PDF

Si comunica che il seggio elettorale per le elezioni suppletive del 26-27 novembre 2017 è costituito come segue:

Presidente: ins. Gianluca Mastromarino, componente docenti;

scrutatore: ins. Maria Dolores Trudu, componente docenti;

scrutatore: sig. Valeria Mancosu, componente genitori.

 

Si ricorda che le elezioni suppletive per esaurimento delle liste dei genitori e dei docenti per il Consiglio di Circolo si terranno, presso la sede centrale di via Caprera n. 1 a Capoterra, nei giorni

-       Domenica 26 novembre 2017 (i seggi saranno aperti dalle ore 8.00 alle ore 12.00);

-       Lunedì 27 novembre 2017 (i seggi saranno aperti dalle ore 8.00 alle ore 13.30).

con le seguenti modalità di votazione:

    1. Il voto viene espresso apponendo una croce sul numero romano della lista prescelta;
    2. È esprimibile una sola preferenza. Si precisa che deve essere votata una sola lista;
    3. La preferenza va indicata apponendo una croce nella casella accanto al nominativo prestampato del candidato.

    Si allega la circ. n. 56

 

Proclamazione sciopero Comparto Scuola. SAESE (Sindacato Autonomo Europeo Scuola ed Ecologia) 27 novembre 2017

E-mail Stampa PDF

Si rende noto che con nota prot. n. 0036703 del 16 novembre 2017 il MIUR ha dato comunicazione che il SAESE (Sindacato Autonomo Europeo Scuola ed Ecologia) ha proclamato per il 27 novembre 2017 uno sciopero generale per tutto il personale docente e ATA a tempo determinato e indeterminato, atipico e precario.

Il personale è invitato a segnalare sull’elenco allegato entro le ore 12,00 del 23/11/2017 la propria adesione/non adesione allo sciopero. Tale indicazione non è obbligatoria, mentre il personale è invece tenuto a firmare la presente circolare per presa visione.

Sarà cura del Dirigente scolastico o di un suo delegato, dopo aver preso visone del personale non scioperante, rimodulare l’orario a fine di garantire lo svolgimento delle attività didattiche e la vigilanza sui minori.

I Sigg. Docenti comunicheranno per iscritto alle famiglie che la scuola non garantirà il normale servizio e che nel giorno dello sciopero potrebbero verificarsi  variazioni dell’orario.

In allegato la circ. n. 54

 

disposizioni su ingressi e uscite alunni

E-mail Stampa PDF

Si ribadisce quanto già disposto con circolare n. 20 del 4 ottobre u. s. e sotto riportato:

Ogni ingresso posticipato o uscita anticipata dell’alunno deve essere annotato nell’apposito registro, con firma dal genitore o dalla persona delegata dallo stesso, munito di documento di identità. Il registro dovrà essere consegnato dal collaboratore scolastico in servizio al docente presente in classe, il quale avrà cura di verificare l’identità della persona che prende in consegna il minore e autorizzerà l’uscita e/o l’ingresso,apponendo la propria firma al registro. Le anomalie, i ripetuti ritardi o le uscite anticipate senza valide motivazioni dovranno essere segnalate dal Referente del Plesso al Dirigente.

Si richiama l’assoluto rispetto di questa direttiva. Il suo mancato rispetto comporterà l’attivazione immediata di un procedimento disciplinare a carico del responsabile. Devono inoltre essere ben presenti a tutti i soggetti in epigrafe le responsabilità di natura penale e civile che potrebbero avere luogo per il verificarsi di fatti conseguenti al mancato rispetto delle disposizioni sopra riportate.

 

Si allega la circolare n. 53

 

Informativa sulla divisa scolastica

E-mail Stampa PDF

Ai genitori, ai docenti e al personale ATA della Scuola Primaria

Nei giorni scorsi sono state consegnate le T-shirt donate dalla scuola a ciascun bambino della Primaria. La scelta di adottare una piccola divisa scolastica, distintiva della scuola, è nata da una serie di considerazioni, molto più importanti del valore di una maglia con un logo.

La scuola (dirigente, docenti, Consiglio di Circolo, famiglie, personale ausiliario) sta incominciando un percorso di adeguamento ai tempi moderni. La qualità degli apprendimenti dei nostri alunni è buona, come stabilito nelle prove INVALSI i cui dati riassuntivi sono stati pubblicati nel nuovo Piano Triennale dell’Offerta Formativa, e in alcune classi si ottengono risultati superiori alle medie non solo regionali, ma nazionali, che ci devono rendere tutti orgogliosi della nostra scuola.

Ma questo non è un buon motivo per fermarsi, per nascondere che ci sono ancora dei problemi e che altri potrebbero verificarsi se la scuola non si innova. Infatti, fare scuola come si faceva trenta anni fa non è più sufficiente, anche se la si fa bene. Quando i nostri bambini dovranno scegliersi un lavoro, fra 15 o 20 anni, si troveranno davanti un mondo completamente diverso da quello di trent’anni fa e differente anche da quello di oggi. Saranno nate nuove professioni, che oggi ancora non esistono. La scuola elementare che hanno frequentato i genitori rispondeva a un’esigenza della società di allora: quella di preparare i futuri lavoratori (che diventassero operai o ingegneri non faceva molta differenza) a eseguire con precisione quello che sarebbe stato loro insegnato. Nel futuro dei nostri bambini la carta decisiva sarà invece quella di essere capaci di imparare ad imparare: se si vorrà avere un futuro di successo lavorativo, bisognerà essere in grado di adattarsi a cambiare lavoro più volte, nel corso della vita, imparandone in fretta i meccanismi. In quella società (che in parte vediamo nascere già oggi) non sarà più così importante quello che sai, ma sarà decisivo quanto sei disposto a cambiare te stesso e ad imparare in fretta. Già oggi, nei colloqui di lavoro, gli esperti di selezione del personale non misurano le conoscenze dei candidati, ma valutano la loro propensione a mettersi in gioco, ad affrontare con coraggio e con metodo le sfide impreviste, l’abitudine ad essere protagonisti senza paure e ad essere creatori di idee nuove.

Per questo dobbiamo progettare una scuola in cui i bambini abbiano le conoscenze che servono, ma soprattutto le sappiano usare, sentendosi liberi di avere delle idee, per affrontare il mondo difficile che verrà, e che è in parte già intorno a noi, aggredendolo con tutte le loro potenzialità, senza reprimerle come cerca di fare una scuola che resta vecchia e che tende ad insegnare loro a stare zitti e ad ubbidire. Non sono più tanto importanti le materie in sé, ma lo sviluppo delle facoltà e delle strategie che i bambini mettono in campo per impararle.

Non serve conoscere i nomi di tutte le parti di un motore, se non lo si sa smontare e rimontare; e magari conoscerne il funzionamento così bene da saperlo aggiustare e, se capita, avere un’idea su come migliorarlo.

Tutte le componenti del Consiglio di Circolo (il Presidente, che per legge è un genitore, i docenti e i genitori, che sono rappresentati in parti uguali, i delegati del personale ausiliario) hanno approvato con una delibera la proposta del dirigente, e come primo segno distintivo di una scuola che vuole diventare un laboratorio di idee e vuole formare bambini che sappiano affrontare senza timori le sfide del futuro, hanno deciso l’adozione di una piccola divisa scolastica: un grembiule è adatto a una scuola in cui i bambini ascoltano delle lezioni, una T-shirt vuole rappresentare l’idea di una scuola in cui i bambini siano protagonisti di una didattica attiva, aperta e laboratoriale.

La scuola, prima di adottare questa scelta innovativa, ha valutato anche l’aspetto economico, considerandolo positivamente in quanto una T-shirt ha un costo inferiore a un grembiule e non comporta l’esborso per una intera tuta, e ha consultato gran parte delle famiglie incontrandone il favore, anche per la praticità di poter sostituire il costoso grembiule con una semplice maglia colorata che, a detta di tanti genitori, avrebbe semplificato la vita quotidiana. So benissimo che non tutti sono d’accordo e che, probabilmente, ci saranno tanti aspetti di questa scelta che in futuro potremo migliorare insieme; conto infatti di poter nelle prossime settimane incontrare i genitori nei diversi plessi per scambiarci i punti di vista e per informarli direttamente sulle attività della scuola, oltre che per avere notizie di prima mano sulle difficoltà che si vivono nelle sedi. Stiamo facendo tanto e mi piacerebbe poterne parlare con i genitori ed avere i loro suggerimenti.

I tempi di produzione per un numero così alto e alcuni intoppi burocratici, soltanto in parte dipendenti dalla difficoltà organizzativa in cui ancora si trovava la scuola nello scorso anno scolastico perché non aveva la struttura amministrativa che le sarebbe spettata, hanno fatto sì che il fornitore abbia finalmente consegnato nei giorni scorsi le T-shirt. Le ditte che hanno partecipato sono state scelte per i loro requisiti di serietà ed hanno presentato offerte molto qualificate; le T-shirt sono di ottima fattura e hanno un costo molto contenuto, che probabilmente non si ritroverebbe, per quella qualità, se non in un negozio all’ingrosso.

La ditta vincitrice, la Promo Ideas Srl, è stata messa sotto contratto dalla scuola e si è impegnata a garantire per i prossimi anni lo stesso prezzo, con eventuali minime variazioni motivate e approvate dalla scuola. La T-shirt a manica corta ha un prezzo di € 5,002, quella a manica lunga di € 6,83 (i prezzi, comprensivi di IVA, non possono essere modificati in nessun modo).

A brevissimo la scuola organizzerà, insieme con la ditta fornitrice, il sistema per la raccolta degli ordini da parte delle famiglie sia per le T-shirt a manica corta, sia per quelle a manica lunga, sia per eventuali necessità di ulteriore abbigliamento con il logo della scuola.

Come accade per tutte le legittime deliberazioni del Consiglio di Circolo, il dirigente ha il dovere di mettere in atto quella che riguarda l’adozione delle T-shirt e di garantire il rispetto della legge in tutta la vita della comunità scolastica.

I genitori sono quindi invitati ad attendere l’avvio della raccolta degli ordini e a non acquistare T-shirt da rivenditori non autorizzati, che non possono legittimamente stampare il logo che appartiene alla scuola e che potrebbero applicare tariffe non previste. In questa fase i bambini, se per caso la maglietta a maniche corte fornita dalla scuola avesse necessità di un passaggio in lavatrice, possono usare per qualche giorno l’abbigliamento che meglio credono. Quando sarà distribuita la fornitura di T-shirt, i bambini potranno abbinare un pantalone e/o una felpa preferibilmente di colore rosso o blu.

Ho visto i bambini ricevere felici la loro maglietta con il logo della scuola. Me li immagino nelle uscite didattiche, alle iniziative sportive e nei progetti, incontrare gli altri alunni della scuola e quelli di altri istituti e sentirsi parte di una comunità solidale e unita: noi, i lavoratori della scuola e le famiglie, non dobbiamo deluderli.

 

Pubblicazione Piano Annuale delle attività - docenti - a.s. 2017/2018

E-mail Stampa PDF

Si comunica che nelle sezioni AREA RISERVATA/CIRCOLARI e COMUNICAZIONI/DOCENTI è stato pubblicato il Piano Annuale delle attività dei docenti per l'.a.s 2017/2018.

Ultimo aggiornamento Martedì 14 Novembre 2017 12:12
 


Pagina 1 di 107

ACCEDI

Banner

Chi è online

 59 visitatori online

CALENDARIO

novembre 2017
lmmgvsd
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930 

Sondaggi

Ti piace il nuovo sito?
 

Questo sito web fa utilizzo di cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Per saperne di piu consulta la sezione privacy.

Per proseguire devi accettare i cookies da questo sito o modificare le impostazioni del tuo browser

EU Cookie Directive Module Information